Carissimi capi,

Anche oggi abbiamo vissuto una giornata intensa e stimolante!

Questa mattina la giornata si è aperta con un momento di preghiera nel quale abbiamo riscoperto Maria, donna dell’accoglienza, che ha saputo dire sì a Dio, che ha agito sulla sua vita e trasformato il suo cuore insegnandoci la bellezza dell’accoglienza.

Abbiamo poi lavorato sul cambiamento del nostro statuto, per poter poi approvare una riforma che permetterà all’Agesci di entrare nel Terzo settore entro il 2 agosto, come previsto dalla Legge.

Il cuore della mattinata è stato indubbiamente l’incontro con don Luigi Ciotti, testimone fedele e appassionato dei valori della legalità e dell’accoglienza. Don Ciotti ci ha parlato di libertà, di accoglienza e di speranza. “Accoglienza come vita che riconosce la vita” che comincia vivendo delle relazioni vere e profonde con chi ci sta più vicino per poi aprirci agli altri, al mondo.

Speranza per il domani che poggia sulla resistenza dell’oggi, per poter andare incontro al futuro non come fatalità ma con scelte concrete fatte oggi per il domani.

Don Ciotti ci ha invitato a stare con i poveri, con i giovani e con i migranti che sono gli “esclusi “ di oggi.

Infine ci ha detto che come associazione, per creare il cambiamento, dobbiamo farlo assieme ad altre associazioni mantenendo ciascuno le proprie peculiarità , ma lavorando assieme nella logica della staffetta e del Noi al posto dell Io.

Dopo l’intervento a  Don Ciotti è stata data da Capo Guida e Capo Scout la benemerenza per la sua testimonianza e impegno nel sociale.

Nel pomeriggio , abbiamo poi incontrato Ottavio Losana, primo Capo scout alla fusione di Asci e Agi in Agesci.

Ottavio ha fatto memomeria della sua esperienza scout, nella logica della ricerca della felicità.

La felicità per lui è stata rendere felici gli altri, nel suo servizio attivo con bambini e ragazzi e poi con i capi nei vari ruoli associativi.

Anche ad Ottavio, Capo Guida e Capo Scout hanno dato la Benemerenza, per il servizio donato all’associazione.

Abbiamo poi concluso il pomeriggio nelle varie commissioni previste nell’ordine del giorno. Noi siamo stati nella commissione per il terzo settore e quella relativa alla riforma Leonardo.

Questa sera abbiamo vissuto una bella veglia sulla nostra capacità di affidarci a Dio affinché non ci lasci indifferenti, alla guerra, al dolore, all’inganno, all’ingiustizia…

A domani

Antonio & Silvia