Consiglio Generale 2019 – quarto giorno

Consiglio Generale 2019 – quarto giorno

Cari Capi, 

si è appena concluso il 45^ Consiglio Generale “ La Scelta di Accogliere”.

Questa mattina abbiamo votato le ben 70 Mozioni e 54 Raccomandazioni che sono sempre segno di grande attenzione a tutti gli aspetti che la nostra associazione deve affrontare, non dimenticandoci del nostro primo mandato….L’EDUCAZIONE.

Sono state approvate molte mozioni e raccomandazioni tra cui l’adesione al Terzo Settore, un documento elaborato qui a Bracciano sul tema dell’accoglienza, il documento sul ruolo del Consigliere generale fino ad alcune modifiche del regolamento di Branca LC e EG.

Una cosa che ci portiamo a casa è la cura e l’attenzione che la nostra associazione ha per  tutti noi Capi, per tutti i bambini, bambine, ragazzi, ragazze, giovani che ci sono affidati dalle famiglie con le quali dovremmo sempre più stringere una alleanza educativa.

Siamo una associazione che sempre più deve fare rete, oltre che con le famiglie anche con le tante realtà educative e sociali, che ci sono vicine, nella logica della staffetta.

La centralità del Vangelo, della capacità di farci guidare da Cristo come testimone vero e concreto dell’Amore di Dio, è stato più volte sottolineato e dovrà sempre più essere incarnato nel nostro essere associazione cattolica che lavora con la Chiesa per costruire un modo migliore, fatto di uomini e donne di fede.

L’esperienza del consiglio generale è bellissima ci fa sentire onorati di rappresentarvi e di portare le vostre istanze i vostri sogni al livello nazionale, perché la democrazia associativa sia sempre viva e porti frutti.

Rimanendo sempre a vostra disposizione per qualsiasi domanda e richiesta vi salutiamo.

Antonio & Silvia

Consiglio Generale 2019 – terzo giorno

Consiglio Generale 2019 – terzo giorno

Ciao a tutti,

Oggi la giornata è iniziata con la consueta preghiera, dove siamo stati invitati a ritagliarci un tempo per il silenzio per sentire quali risonanze la parola ci generava.

Ai piedi della croce Gesù ci ha affidato a Maria come madre amorevole e accogliente.

Dopo la preghiera, il nostro assistente nazionale ci ha invitato a vivere un breve momento di discernimento in riferimento a quanto discusso ieri, in particolare sul tema dell’adesione della nostra associazione al terzo settore.

È stato un momento breve ma significativo che probabilmente dovremmo cercare di vivere anche nelle nostre comunità capi per fare discernimento personale e comunitario di fronte alle tante sfide e provocazioni che abitualmente viviamo.

I lavori del CG sono poi continuati nella varie commissioni. Noi eravamo nelle commissioni sul tema dell’accoglienza, che è il tema centrale del CG 2019. Ci siamo confrontati con i capi delle altre regioni sul tema dell’accoglienza: come lo viviamo nei nostri gruppi e nel nostro territorio e quali urgenze su questo ambito sentiamo di dover sottolineare come Agesci.

L’obiettivo ora è di riuscire a far sintesi per donare a tutta l’associazione queste riflessioni partendo da ciò in cui crediamo e siamo per poi definire ciò in cui vogliamo impegnarci.

Nel pomeriggio i lavori sono continuati con le varie votazioni delle mozioni e raccomandazioni ( 50 mozioni e 17 Raccomandazioni!!!)

Una nota importante che vi anticipiamo è che il CG 2019 ha approvato il passaggio al Terzo settore della nostra associazione, cosa molto importante sulla quale ci sarà il tempo per riportarvi tutte le implicazioni del caso.

Prima di cena il vescovo di questa diocesi ha celebrato la santa Messa assieme agli assistenti presenti.

Ci ha ricordato la fedeltà del Signore, che rispetto all’incredulità di Tommaso ritorna da lui, senza giudicarlo , per la sua assenza, nel primo incontro ma per mantenere la sua promessa.

Domani ci aspetta una altra giornata di votazioni e poi la chiusura di questo 45^ Consiglio Generale

Antonio & Silvia

Consiglio generale 2019 –  secondo giorno

Consiglio generale 2019 – secondo giorno

Carissimi capi,

Anche oggi abbiamo vissuto una giornata intensa e stimolante!

Questa mattina la giornata si è aperta con un momento di preghiera nel quale abbiamo riscoperto Maria, donna dell’accoglienza, che ha saputo dire sì a Dio, che ha agito sulla sua vita e trasformato il suo cuore insegnandoci la bellezza dell’accoglienza.

Abbiamo poi lavorato sul cambiamento del nostro statuto, per poter poi approvare una riforma che permetterà all’Agesci di entrare nel Terzo settore entro il 2 agosto, come previsto dalla Legge.

Il cuore della mattinata è stato indubbiamente l’incontro con don Luigi Ciotti, testimone fedele e appassionato dei valori della legalità e dell’accoglienza. Don Ciotti ci ha parlato di libertà, di accoglienza e di speranza. “Accoglienza come vita che riconosce la vita” che comincia vivendo delle relazioni vere e profonde con chi ci sta più vicino per poi aprirci agli altri, al mondo.

Speranza per il domani che poggia sulla resistenza dell’oggi, per poter andare incontro al futuro non come fatalità ma con scelte concrete fatte oggi per il domani.

Don Ciotti ci ha invitato a stare con i poveri, con i giovani e con i migranti che sono gli “esclusi “ di oggi.

Infine ci ha detto che come associazione, per creare il cambiamento, dobbiamo farlo assieme ad altre associazioni mantenendo ciascuno le proprie peculiarità , ma lavorando assieme nella logica della staffetta e del Noi al posto dell Io.

Dopo l’intervento a  Don Ciotti è stata data da Capo Guida e Capo Scout la benemerenza per la sua testimonianza e impegno nel sociale.

Nel pomeriggio , abbiamo poi incontrato Ottavio Losana, primo Capo scout alla fusione di Asci e Agi in Agesci.

Ottavio ha fatto memomeria della sua esperienza scout, nella logica della ricerca della felicità.

La felicità per lui è stata rendere felici gli altri, nel suo servizio attivo con bambini e ragazzi e poi con i capi nei vari ruoli associativi.

Anche ad Ottavio, Capo Guida e Capo Scout hanno dato la Benemerenza, per il servizio donato all’associazione.

Abbiamo poi concluso il pomeriggio nelle varie commissioni previste nell’ordine del giorno. Noi siamo stati nella commissione per il terzo settore e quella relativa alla riforma Leonardo.

Questa sera abbiamo vissuto una bella veglia sulla nostra capacità di affidarci a Dio affinché non ci lasci indifferenti, alla guerra, al dolore, all’inganno, all’ingiustizia…

A domani

Antonio & Silvia

Consiglio Generale 2019 – primo giorno

Consiglio Generale 2019 – primo giorno

Cari Capi,

Oggi è iniziato il Consiglio Generale 2019 “ La scelta di Accogliere”.

La giornata è iniziata con l’alza bandiera e con la preghiera a Maria, donna dell’accoglienza.

Sarà proprio la riflessione sull’ accoglienza che ci accompagnerà per tutto questo consiglio generale. Accoglienza come capacità di incontrare e accogliere l’altro, ma anche di essere accolti, con tutte le nostre fatiche e virtù.

Il nostro assistente nazionale, Padre Roberto Del Riccio, ci ha invitato a vivere la capacità di “…conservare tutte le cose…”, come fece Maria nell’annunciazione.

Ascolteremo molte proposte e provocazioni, dovremo cercare di farle risuonare dentro di noi e meditarle, per poi riconsegnare  a tutti il frutto della nostra riflessione e del nostro discernimento.

Il comitato nazionale ha riassunto la sua relazione con queste parole:

– Gioia, come gioia nel mettersi a servizio;

– Cura, come capacità di prendersi cura dei ragazzi che ci vengono affidati;

– Condivisione, abbiamo la necessità, nelle nostre relazioni nel nostro servizio, di andare in profondità e non di vivere una superficiale condivisione di ciò che viviamo e facciamo;

– Sogno, abbiamo la responsabilità di aiutare i ragazzi a realizzare i loro sogni;

– Testimone, il testimone unisce le persone e crea un racconto;

– Fecondità, come capacità di far germogliare i semi che nel tempo sono stati seminati.

– Sentinella, la zona e la comunità capi sono le prime sentinelle dei bisogni dei territori.

– Tempo liberato, come capacità di trasformare il tempo in dono gratuito agli altri.

Dopo la relazione del comitato nazionale, ben 10 regioni, tra cui la nostra, hanno fatto un intervento, dove è stata ribadita l’importanza di mettere al centro l’educazione, una educazione fatta anche di azioni concrete per far crescere un “ popolo nuovo” fatto da cittadini attivi e da buoni cittadini.

Nel pomeriggio abbiamo ascoltato la presentazione del bilancio e del Collegio giudicante nazionale. Poi abbiamo partecipato ai lavori delle varie commissioni. Nello specifico noi abbiamo lavorato sulla relazione del Comitato Nazionale, sulla verifica del percorso sul discernimento e sulle Strategie Nazionali di Intervento. C’e stato uno scambio vivace e fruttuoso con i consiglieri delle altre regioni d’Italia, che ha evidenziato una grande attenzione al bisogno di comunicare anche all’esterno i nostri valori scout, un grande apprezzamento sul percorso sul discernimento che si chiede venga ancora curato e custodito.

Stasera ci sarà la consueta e attesa cena regionale: occasione di fraternità e di scambio gastronomico di alto livello!

A domani,

Silvia e Antonio